M. Gallo bamboo and fiberglass fly rods

Vai ai contenuti

Menu principale:

componenti

Ogni passaggio nel lungo percorso della costruzione delle mie canne , viene eseguito con la massima cura
e precisione affinchè ne esca un oggetto di grande qualità e prestigio, prerogativa che mi sforzo sempre di
ottenere non soltanto nella lavorazione del grezzo ma anche nella personale realizzazione di tutti i componenti
e per questo unici , utilizzando il miglior materiale disponibile sul mercato .

                                                                                                                       

L'IMPUGNATURA
Per ottenere un'impugnatura di qualità e priva di grossolane stuccature , seleziono centinaia di rondelle in sughero portoghese di alta qualità , scegliendo solo quelle che presentano pochissimi buchi.
Dopo averle forate al centro, andranno incollate e pressate con un attrezzo specifico per almeno 24 ore.
Seguirà la tornitura con carta vetrata sempre più fine, ricavando al contempo la sagoma che ho scelto per i miei modelli .

IL PORTAMULINELLO
Lo realizzo al tornio da un blocchetto di legno pregiato e stagionato , adoperando soltanto legni particolarmente unici per bellezza e qualità .
Le essenze chiare vengono solitamente abbinate alle canne bionde  come ulivo e acero tigrato , mentre quelle scure alle canne fiammate come il noce .
Dopo la tornitura i manicotti vengono messi a bagno in una speciale resina che stabilizza il legno rendendolo impermeabile allo stesso tempo , seguirà poi la verniciatura per evidenziarne le naturali venature .
Il bicchierino , l'anello scorrevole e l'anello di finitura li ottengo attraverso la tornitura di una barra di nickel-silver , finemente godronati e lucidati .

LE GHIERE
Per tradizione sono realizzate in nickel-silver o alpacca, una lega che possiede il pregio di essere autolubrificante e quindi adatta agli innesti delle canne. Il costoso metallo non ha ancora trovato valide alternative ed è pertanto ancora utilizzato da tutti i produttori .Esistono principalmente due tipologìe di innesto: tipo "Super Z" (assai simile al "Super Swiss" ) e tipo "Step Down", che un tempo veniva montato sulle canne dei migliori costruttori della storia come Leonard, Payne, Orvis, Gillum, F.E. Thomas ecc...   è lo stesso modello che monto anche sulle mie canne, realizzandole personalmente con il tornio da una barra di alpacca piena .

LE LEGATURE
Dopo aver sperimentato vari tipi di filati , la mia scelta definitiva è caduta sulla seta ultrasottile tipo Pearsall's Gossamer oppure YLI che permette di ottenere legature poco spesse ed estremamente traslucenti .
Il colore della seta varia in base al modello e normalmente ogni legatura presenta un sottile rigaggio di contrasto che si abbina perfettamente alla tonalità di base .

I PASSANTI
L'anello di partenza comunemente conosciuto come stripping guide , può essere interamente in metallo tipo Mildrum o in preziosa agata , un minerale traslucente che in natura copre una vasta gamma cromatica e quindi abbinabile ai vari colori delle legature .
Le serpentine e gli apicali sono in cromo duro di ottima qualità e possono essere neri o cromati a seconda del modello di canna .  

FODERO E TUBO
Ogni canna finita viene riposta in una elegante foderina in stoffa che a sua volta , verrà inserita in un tubo di alluminio lucidato con chiusura a vite in bronzo realizzati dall'amico Guglielmo Todini (guglielmo@abacusprojekt.si) richiamando il design della nota casa americana Leonard .
Il tappo a vite e il tappo fisso presentano internamente un dischetto in sughero per attutire eventuali urti durante il trasporto .


Torna ai contenuti | Torna al menu